Letture in famiglia

libri per e sui bambini

TITOLO: Filastrocche per giocare con le mani

AUTORE: Albena Ivanovithch-Lair

CASA EDITRICE: Fabbri 2002

TEMI CHIAVE: filastrocche, culture diverse, giochi

ETA’ DI RIFERIMENTO: primi lettori

Ognuno di noi, almeno una volta, ha ripetuto ad un bambino una vecchia filastrocca imparata dal nonno e la cui origine spesso si perde nei meandri della cultura popolare e ognuno si è reso conto della forza che queste hanno sugli stessi bambini, grazie al loro ritmo e alla facilità con cui vengono ricordate. L'autrice ha raccolto in questo libro le filastrocche provenienti da tutto il mondo che prevedono giochi con le mani, piccoli e semplici movimenti che si possono compiere ovunque, anche nel bel mezzo di un noiosissimo viaggio in autobus. Attraverso brevi spiegazioni e disegni Albena Ivanovithch-Lair ci dà la possibilità di entrare in questo magico mondo dove i bambini sono in grado di sviluppare le loro percezioni sensoriali; un percorso utile verso la scoperta di sé e del mondo che ci circonda. La lettura è facilitata da illustrazioni vivaci e colorate.

Altro su: "Filastrocche per giocare con le mani"

C'era un librino piccino piccino picciò
Per i più piccoli "C'era un librino piccino piccino picciò" narra delle brevi storie con delle deliziose immagini.
Hotel della chitarra blu
Per i baby musicisti questo libro della serie "Alla scoperta degli strumenti" fa conoscere quello che c'è da sapere sugli elementi che compongono un'orchestra.
La diciottesima luna
L'ordine naturale della cose viene invertito e man mano che si avvicina la Diciottesima Luna.
Festival della letteratura Mantova 2010
A Mantova dall'8 al 12 settembre si terrà la quattordicesima edizione del festival della letteratura.
Il giro del mondo in 80 giorni
Il giro del mondo in 80 giorni è un classico per la letteratura dei ragazzi, un'opera senza tempo che affascina i giovani lettori alla scoperta di nuovi mondi.
Quello che sono dentro
Cosa si nasconde dietro un'apparente serenità, dietro un sorriso che maschera la tristezza? Solo uno sguardo profondo può scoprirlo