Libri e riviste

per bambini

TITOLO: Favole dell’amicizia

AUTORE: Gianni Rodari

CASA EDITRICE: Editori Riuniti (Collana Enciclopedia della Favola)

TEMI CHIAVE: Favole per bambini

ETA’ DI RIFERIMENTO: 6 anni

Le favole qui raccontate danno misura della capacità di Rodari di intrecciare il piacere del racconto e il gusto dell'ironia con l'impegno a valorizzare l'importanza della solidarietà, dell'amicizia e della riflessione critica sul mondo che ci circonda.
Ricche, come sempre, le illustrazioni di Pedro Scassa.
Il libro contiene quindici favole, fra cui “I due regali”;”Il tapiro e la scimmia urlatrice”; “I dodici mesi”; “Come il gallo la fece all'orso”; “ Giovanni Verità”; “Giacomino e la bella addormentata”; “Storia per i bambini che non vogliono mangiare”; “ Il gatto, la quaglia e il coniglio”; “ Perché le rane fanno qua qua”.
Prodigiosi mondi fiabeschi che richiamano la tradizione, ladri di oggi astuti ma pasticcioni impersonati da animali, viaggi nel futuro che hanno il sapore della scoperta imprevedibile e uniscono con straordinaria leggerezza realtà e fantasia, quotidiano buon senso e magia dell'imprevisto.
Ancora una volta Rodari ci consegna un messaggio di allegria e di speranza.

Altro su: "Favole dell'amicizia"

Alice e il primo giorno d'asilo
Tempo di inserimenti al nido e alla scuola materna, tempo di paure, distacchi, novità. I nostri bambini stanno diventando grandi...
I guardiani del Colosseo
Una raccolta di racconti fantastici che prendono spunto dall'arte e dalla storia di Roma.
Chiedi a papà
Il mestiere di genitore è senz’altro straordinario, emozionante, imprevedibile e pieno di gioie e di soddisfazioni.
Animali senza zoo
In "Animali senza zoo" Rodari ci racconta gli animali come lui li immagina: molto ma molto umani, inverosimili e simpatici al tempo stesso.
La Befana cambia look
la Befana, proprio durante i giorni del grande lavoro decide di rinnovare il suo look.
Mattatoio n. 5 o la crociata dei bambini
In un divertente e ironico intreccio di realtà e finzione, vengono trattati i temi più seri, attraverso una profonda riflessione antimilitarista.