News

sul gioco

Soffia tu che soffio anche io

Spostate i mobili contro la pareti e togliete di mezzo i divani. Sul pavimento tracciate con dello scoth gommato due righe a debita distanza tra loro: una sarà la linea di partenza e l'altra quella di arrivo. Dividete i bambini in tre squadre (o quante vorrete purché il numero dei bambini sia sufficiente da garantirvi di avere due bambini sulla linea di partenza e almeno uno sulla linea di arrivo). Fornite a ciascuno giocatore una pallina da ping pong che dovrà essere posizionata sulla riga di partenza e date il via al gioco. A 4 zampe e con le mani incrociate dietro alla schiena i piccoli dovranno soffiare la pallina fino alla riga dell'arrivo dove il testimone verrà passato al compagno che dovrà riportarla sulla riga di partenza e così via fino a che tutti i bambini presenti avranno giocato. Vince, ovviamente, la squadra che per prima porta a termine tutto il percorso mentre vengono penalizzati (e devono tornare sulla riga di partenza o di arrivo a seconda dei casi) quei giocatori che spingono in avanti la pallina con le mani e non con la forza del soffio e che durante il percorso incrociano con il corpo l'avversario.

A tempo di musica

Mentre un disco suona tutti girano intorno alla stanza in fila e a tempo di musica.
Ad un tratto s'interrompe la musica e: tutti devono fermarsi di colpo e sedersi per terra.
L'ultimo bambino a sedersi perde e deve fare la penitenza

Scrivi e pensa

Ogni bambino prende un foglio e una matita e si sistema in modo che gli altri non possano vedere quello che scrive.
A turno, ogni giocatore dice una lettera e tutti la annotano fino ad arrivare a otto lettere.
Si lasciano tre minuti, perché ogni giocatore riesca a formare la parola più lunga possibile, usando solo le lettere scelte, una volta ciascuna.

Patata bollente

Si prepara la "patata bollente" inserendo una sorpresa (per esempio delle caramelle o dei dolcetti) dentro un foglio di giornale. Si appallottola insieme ad altri fogli di giornale fino ad ottenere una palla abbastanza grande. Si accende la musica e ogni bambino si passa la patata bollente. Ad un certo punto la musica si blocca e il bambino che ha in mano la palla, scarta un pezzo di carta. Il gioco si conclude quando il bambino che scarta l'ultimo pezzo di carta, quello con la sorpresa dentro, si aggiudica il premio.
 

Altro su: "Giocare in casa"

Pigotta
La Pigotta è una bambola di pezza, una bambola speciale che può salvare la vita di un bambino sostenendo l’UNICEF e suoi programmi salvavita dell’Africa.
Games week, la manifestazione ufficiale dell'industria video ludica
Games Week, la manifestazione ufficiale dell'industria video ludica, a Milano dal 4 al 6 novembre 2011.
Giochi da viaggio
Giochi da viaggio, un libro dotato di tutto ciò che serve per non annoiarsi mai.
E' tutta un'altra storia
Un gioco in scatola che appassiona alla storia in un modo del tutto diverso, e infatti si chiama... E' tutta un'altra Storia.
Giocattoli tecnologici
Dopo avere speso per giocattoli tecnologici si scopre che i nostri figli sono più interessati alle scatole che al resto.
Settimana del Gioco in scatola
Dal 12 al 20 Novembre tutta l'Italia si mette in gioco: parte la prima edizione della Settimana del Gioco in scatola.