Letture in famiglia

libri per e sui bambini

TITOLO: L'enciclopedia dei buchi

AUTORE: Didier Claire

EDITORE: Editoriale Scienza  (collana A tutta scienza)

ETA' DI RIFERIMENTO: dagli 8 anni

Tra pagine bucate e buchi di memoria, l'Eminentissimo professor Buco, appassionato collezionista di buchi, ci presenta i pezzi più preziosi della sua collezione.
Ce n'è per tutti i gusti: dallo scolapasta alla ciambella, dal flauto alla palla da bowling, dal crepaccio al geyser, dallo sfiatatoio del delfino alla tana della volpe, entrando in un buco nero per uscire dal tunnel sotto la Manica e centrare dritti il buco dell'ozono. Un'enciclopedia originale, insolita, nuova. Stimola l'interesse dei ragazzi per campi diversi come l'arte, il mondo animale, le scienze della Terra, la biologia, l'astronomia. Il libro è diviso in cinque grandi capitoli (alla fiera del buco, i buchi della terra, i buchi degli animali, i buchi del corpo, i buchi fabbricati) il cui filo conduttore sono i buchi, un po' il punto di partenza per parlare di scienze diverse: per curiosare sul nostro mondo dal buco della serratura.

 

Altro su: "L'enciclopedia dei buchi"

Storia dell'immondizia. Dagli avanzi di mammut alla plastica riciclabile
Maurice è in compagnia del suo fido segugio Rudy, noto per il suo naso sopraffino in grado di scovare puzze antiche e moderne.
Sentire col corpo
"Sentire col corpo. Tecniche creative di rilassamento per bambini" è un libro indicato per coloro che si occupano dell'apprendimento infantile.
Un consiglio per le letture delle vacanze
Sono libri che si guardano, si ascoltano, possono "insegnare" a leggere.
Il bambino che sognava la fine del mondo
"Il bambino che sognava la fine del mondo" è la storia di un bambino che, colto da improvvisi incubi notturni, sogna la fine del mondo.
Favole del sorriso
La favola è il genere di narrazione più amato dai bambini. Rievoca i momenti di assoluta intimità con chi racconta e scatena l'immaginazione creativa.
Papà al nido
Un manuale completo e assolutamente inedito per nidi che vogliano accogliere papà desiderosi di mettersi in gioco nella scoperta del proprio figlio.