Libri e riviste

per bambini

Una fiaba per ogni perché. Spiegare ai bambini perché succedono le cose

"Una fiaba per ogni perché" spiega ai bambini, attraverso favole brevi, situazioni difficili per loro, rispetto alle quali non sono ancora attrezzati a reagire.

a cura della redazione di MAMMAePAPA'.it

TITOLO: Una fiaba per ogni perchè. Spiegare ai bambini perché succedono le cose

AUTRICE: Elisabetta Mauti

CASA EDITRICE: Centro Studi Erickson (collana Capire con il cuore)

ETA' DI RIFERIMENTO: dai 2 ai 5 anni

TEMI CHIAVE: spiegare ai bambini perchè succedono le cose

L’arrivo di un fratellino, la paura del buio, l’inizio dell’asilo o l’assenza di uno dei genitori sono situazioni difficili per un bambino perché generano paura e senso di impotenza. D’altra parte le spiegazioni razionali sono premature in età prescolare e rischierebbero di chiudere la comunicazione, senza aver permesso una comprensione reale di quanto sta avvenendo.
Dai 2 ai 4 anni i bambini sono esposti a quanto accade loro, ma faticano a comprenderlo. Tuttavia parlano e capiscono molto bene il linguaggio delle fiabe.
Attraverso favole brevi, corredate da illustrazioni semplici, i bambini potranno entrare in contatto con situazioni che riconoscono difficili per loro, rispetto alle quali non sono ancora attrezzati a reagire. Genitori, nonni e operatori disporranno di 10 storie dove i protagonisti sono fiori e bottoni, campane e lumache, con le quali dare senso e far capire quanto ci succede.

La convinzione che ogni bambino debba e possa essere messo in grado di superare i momenti difficili della sua vita, attraverso gli strumenti che l’adulto saprà fornirgli, è alla base di questo testo. Aiutare i bambini a sapere che a volte le cose possono essere meglio di quanto sembrano, è il compito degli adulti che lo circondano.

“...Credo che l’infanzia sia l’età in cui devono essere piantati i semi della fiducia e della speranza. È un pò come far fare un tratto di strada ad un bambino, senza lasciarlo solo, ma senza neppure prenderlo in braccio. Spesso è meglio dargli semplicemente la mano e passare insieme attraverso le cose che ci capitano.”